Curriculum vitae – O. Jan Beyzym – Apostolo dei lebbrosi

Apostolo dei lebbrosi – (O. Jan Beyzym)

Un uomo non sarà mai così frustrato dalla fame o dal duro lavoro, come può infastidirlo la solitudine completa. Quando un uomo non ha nessuno con cui parlare nella sua lingua, lamentarsi, racconta la sua impotenza - sente una mancanza acuta.
Padre Jan Beyzym, che è andato in Madagascar a visitare i lebbrosi, si consolò da questo, che almeno nelle lettere può aprire il suo cuore a qualcuno. Anche se lo sapeva, che solo due mesi dopo la sua lettera sarebbe arrivata al confratello, Il padre di Czermiński, direttore di "Missioni cattoliche" nella lontana Polonia, tuttavia, gli piaceva scrivere le lettere. In uno di essi scrive così :
„…Te lo dirò apertamente, che mentre scrivevo questa lettera e piangi, e volevo ridere. Sono diventato infantile nella mia vecchiaia. Non c'è rifugio per i lebbrosi, e nella mia mente era già un rifugio boscoso di betulle, una chiesa piantata intorno con betulle e fiori, e sull'altare c'è un dipinto della Santa Madre di Częstochowa decorato con rami della nostra betulla polacca…"
Quando un anno e mezzo prima, a novembre 1898 anno, ha deciso di lasciare il suo amato Chyrów e la sua giovinezza, andare in Madagascar e prendersi cura di un ricovero per i lebbrosi, lui sapeva, che sarà un lavoro difficile e pericoloso. Tuttavia questo, quello che ha trovato, ha superato la sua peggiore sensazione viscerale. Szumnie chiamato "rifugio", sono poche misere capanne, in cui nidificavano i lebbrosi. Quelle baracche stavano quasi cadendo a pezzi, minacciavano di collassare con venti più forti e non proteggevano affatto dalla pioggia. Ma la parte peggiore era la fame. Ancora, se qualcuno qui tra i lebbrosi stesse morendo, e muoiono spesso, non è tanto lebbra, quanta fame, freddo o sporco, o per tutti questi motivi insieme. Ma padre Beyzym non poteva farci niente. Non c'erano soldi. Il governo coloniale non si curava affatto dei malati. Cosa è peggio, si è parlato, che i lebbrosi possono guadagnarsi da vivere coltivando da soli la terra. Ma padre Beyzym ha visto, che è impossibile. Come i lebbrosi possono coltivare la terra, quando la lebbra ha distrutto i loro piedi, si tolse le dita, e ha coperto tutto il suo corpo di terribili ferite ? Nessuna meraviglia allora, che la corruzione dilagava tra coloro che erano costretti a mendicare, ubriachezza e furto. E padre Beyzym andò da loro, per parlare loro di Dio, sull'amore, sul cambiare la vita.

Come vuole combattere padre Beyzym, per migliorare il destino dei tuoi "pulcini neri", restituire la loro umanità a coloro che sono svantaggiati dal destino ? Lui sapeva, che non basta dare il pane alle persone, ma devono essere date loro condizioni di vita vivibili. Hai bisogno di un vero ospedale. Ma per creare un ospedale del genere, devi avere molti soldi. Dove trovarli ! Mancavano anche per il riso e le necessità di base.

Padre Jan Beyzym si è fidato della Santa Madre. Affida alle sue cure il destino della sua missione. Credeva anche nel buon cuore dei suoi connazionali. Provato, che può fare qualcosa con loro, per rimediare a queste disgrazie. Così ha rivolto il suo appello ai polacchi. E allora, che erano poveri loro stessi, oppressa dalle potenze divisorie e non aveva una patria libera ? Dopotutto, anche questo è vero, che solo i poveri e i sofferenti possono veramente comprendere i bisogni dei poveri. I poveri sono sempre i più vittime. Lui credeva, che una grande opera nascerà dai piccoli sacrifici dei suoi connazionali. Non sono rimasto deluso. Le persone lo hanno aiutato, che hanno saputo togliersi dalla bocca, anche se non avevano mai sentito parlare del Madagascar prima e non avevano idea della lebbra. Ma per questo hanno avuto un cuore e hanno saputo rispondere alla chiamata di Cristo dell'amore di Dio nel prossimo.

Per molti anni sono state raccolte piccole donazioni per la costruzione di un rifugio. Padre Beyzym ha dovuto superare molte difficoltà e ostacoli. Lui stesso ha dovuto rimboccarsi le maniche e lavorare per molti giorni, prima del lavoro della sua vita - un ospedale per lebbrosi - il lavoro di un missionario polacco e la dedizione dei cristiani polacchi. Com'era gioiosa la giornata 10 di agosto 1911 anno. I primi pazienti potrebbero essere curati in un ospedale povero. La prima volta erano veramente puliti e potevano sdraiarsi nei letti d'ospedale. Non avevano bisogno di preoccuparsene, cosa mangeranno oggi e domani. L'amore perseverante ha vinto. Tale gioia è stata portata sacrificando un po 'del mio denaro per gli altri e aprendo i nostri cuori. Dopo tutto, i malati sono figli di Dio.

Quando i malati sono andati in ospedale, e le suore che venivano a guardarli con amorevole cura, Il padre di Beyzym si sentiva, quell'unico obiettivo della sua vita era stato raggiunto. Tuttavia, non si è fermato qui. Dov'era la sfortuna, lì voleva venire in soccorso. L'ha scoperto, che gli esiliati polacchi vivono in condizioni terribili a Sakhalin, privato dell'assistenza pastorale. Voglio andare da loro. Ma, a quanto pare, Cristo non voleva questo sacrificio. Padre Beyzym, mentre si prendeva cura dei malati, contrasse lui stesso la lebbra. Su orale, ha seminato, fatica, e i frutti della sua fatica, i suoi successori fecero un lavoro pionieristico. La malattia, la sofferenza e il male hanno vinto l'amore. La malattia, tuttavia, ha provocato il caos in un organismo stremato dal lavoro eccessivo. 2 ottobre 1912 anno ha concluso la sua vita. Se hai un momento libero, leggi il libro di Teresa Weyssenhoff: ,,Patria per scelta ", o pubblicato in "Letters of Father Jan Beyzym TJ, apostolo dei lebbrosi in Madagascar ". Imparerai di più su questo eroe polacco da lì, che ha saputo mostrare vero amore al prossimo, che tanto amava il suo prossimo, come Cristo di ciascuno di noi.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.