Una vita vittoriosa

Tutte le persone muoiono. lo so, che un giorno finirò la mia vita su questa terra. Ma credo alle parole di Cristo, che il mondo intero sarà cambiato nel giorno della sua venuta nella gloria. Nell'Assemblea eucaristica domenicale, lo confesso : ,, E attendo con ansia la risurrezione dei morti e la vita eterna nel mondo a venire ". Quindi esisterò anche io. Ma sarò davvero io? ? Sarò lo stesso uomo, che ora vive sulla terra, lavori, sogna un futuro migliore e vuole vivere ? Come è possibile, poiché dopo i secoli del mio corpo potrebbe non essercene nemmeno traccia ? I cristiani della comunità corinzia si sono posti domande simili. Alcuni di loro iniziarono persino a dubitare della risurrezione. La risposta alle loro domande e ai loro dubbi è stata data loro da San Paolo Apostolo. Sentirai la stessa risposta più di una volta durante le riunioni liturgiche.

Risorgeremo tutti

“Cristo è il primo a essere risorto dai morti, cosa sono morti. […] E come in Adamo, tutti muoiono, così anche in Cristo saranno tutti vivificati […]. Cristo prima, allora lei, ciò che appartiene a Cristo, al suo arrivo. Alla fine arriverà la fine, quando affida il regno a Dio e Padre e quando vince ogni dominio, Autorità e potere. […] Come l'ultimo nemico, la morte sarà vinta. […]
Qui ti sto raccontando un segreto : non tutti moriremo, ma saremo tutti cambiati. In un momento, in un batter d'occhio al suono dell'ultima tromba - perché la tromba suonerà - i morti risorgeranno intatti, e saremo cambiati. Si deve, quello, cosa è distruttibile, era rivestito di indistruttibilità, a, ciò che è fatale, per essere rivestito di immortalità. […]

Grazie a Dio per questo, che ci ha permesso di essere vittoriosi attraverso il nostro Signore Gesù Cristo. Quindi miei amati fratelli, sii risoluto e risoluto, sempre egocentrico nell'opera del Signore, ricordare, che la tua fatica non sia vana nel Signore " (1 Malattia 15, 20-26. 51-58 - Bello. Cristo Re ; 8 Sole. durante l'anno ; Messa per i morti).

Questo, che ha parlato, che non c'è risurrezione, L'apostolo Paolo risponde: C'è una risurrezione, poiché Cristo è risorto dai morti come il primo uomo dai morti. È la guida alla risurrezione per tutte le persone. La sua venuta in gloria inizierà una nuova era nella storia del mondo, perché sarà l'ultima conquista della morte, peccato e satana. Per sottolineare la grandiosità di questo evento, l'apostolo si esprime in uno stile apocalittico parlando, che "la tromba suonerà". Questa espressione significava nei profeti dell'Antico Testamento la rivelazione dello stesso Dio invisibile all'uomo.
Perché solo alla venuta di Cristo nella gloria Dio sarà pienamente rivelato. Questa venuta sarà un momento di misteriosa trasformazione di tutte le persone. Tutti i morti risorgeranno vivi in ​​un corpo che non può essere distrutto, e in men che non si dica i vivi si trasformeranno in uomini immortali. Solo allora tutti i Cristo saranno completamente salvati nel Regno di Dio.
Dal momento della risurrezione di Cristo, la speranza di una gloriosa risurrezione risplendeva per tutte le persone, che sono rattristati dalla necessità della morte. Un cristiano si unisce a Gesù risorto al battesimo e da quel momento gli appartiene. Pertanto, St.. Paolo invita tutti i cristiani a fare i più alti sacrifici, perché la gioia della vita eterna con Cristo risorto e con gli amici, con cui abbiamo familiarizzato su questa terra, supera ogni immaginazione umana. I nostri sforzi non saranno vani.

L'uomo nel pieno regno di Dio

Tutti risorgeranno, buono e cattivo. Ma nessuno lo sa, Quando accadrà. Nessuno lo sa neanche, come si compirà la risurrezione. Tuttavia, lo sappiamo, che Cristo ha promesso di risuscitarci a una nuova vita : Che mangia la mia carne e beve il mio sangue, ha la vita eterna, e lo risusciterò l'ultimo giorno " (J 6, 54). Ci fidiamo delle sue parole. Non deluderà la nostra speranza. Per il bene, la Risurrezione consoliderà per sempre questa vita unita a Cristo, hanno iniziato sulla terra, soprattutto attraverso la partecipazione all'Eucaristia. D'altra parte, per i malvagi, sarà la conservazione di questa vita per sempre oltre la comunione con Cristo, che scelgono consapevolmente e volontariamente sulla terra, quando commettono peccati mortali.

Tuttavia, la vita del Regno di Dio non sarà la vita presente semplicemente migliorata ed estesa indefinitamente. Il lavoro di creazione riceverà quindi condizioni di esistenza completamente nuove, completamente in sintonia con la perfetta regola dello Spirito in lui
Divine. Quindi la risurrezione non sarà un ritorno alla vita precedente, ma passando al nuovo, infinitamente più grande.

Quindi avrò un vero corpo tutto mio, ma non sarà soggetto a queste leggi della natura, come regnano oggi sulla terra. Cristo, dopo la sua risurrezione, è rimasto lo stesso uomo, ma allo stesso tempo è diventato completamente diverso, poiché il suo corpo non è più soggetto alla legge della morte, né ad altre leggi di natura. Sarò un essere umano nel pieno senso della parola. Lo sarò, che ha vissuto e sviluppato nella famiglia umana, era associato ad altre persone, amicizia e cooperazione. Lo sarò, che ha lavorato e si è arricchito nell'amore e ha contribuito agli altri. Comunque lo farò ,,un uomo nuovo in Cristo ". Non è importante, come Dio mi risusciterà. Credo nella sua onnipotenza e nella vittoria di Cristo sulla morte. Importante, che sarò io.

Come risponderò a Dio ?

Partecipando alla "Festa dell'Agnello" eucaristica, Ricevo la promessa di una risurrezione. Mangio il corpo di Cristo risorto ogni domenica? ? Sono rafforzato nella mia vita quotidiana dalla speranza della mia risurrezione? ?

"Una festa santa, dove mangiamo Cristo,

ricordiamo la sua passione e resurrezione,

la grazia riempie il cuore dell'uomo, riceviamo una promessa di risurrezione e gloria futura ".

■ Pensa :

1. Come St.. Paolo spiega ai Corinti i loro dubbi sulla risurrezione ?

2. Kto jest podstawą nadziei naszego zmartwychwstania ?

3. Czym będzie zmartwychwstanie dla dobrych, e cosa per il male ?

4. Wyjaśnij powiedzenie : dopo la mia risurrezione, sarò la stessa persona, e ancora un altro.

■ Ricorda :

58. Qual è la base della fede in una risurrezione universale ?

La base della fede nella risurrezione universale è la risurrezione di Gesù Cristo e la Sua certezza, che anche noi risorgeremo, perché : "Credo nella risurrezione del corpo".

■ Attività :

1. Wyszukaj kilka napisów nagrobkowych i oceń je pisemnie w świetle tej katechezy.

2. Czym będzie się różniło powszechne zmartwychwstanie od wskrzeszenia Łazarza, la figlia di Giairo o la giovinezza di Naim ?

3. Wyszukaj w prefacji Mszy św. testi per i morti, che parlano della nostra risurrezione.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.