Cristo forma la coscienza di un cristiano

Cristo forma la coscienza di un cristiano

Bel tempo fuori. Il Sole splende. Ti piacerebbe giocare a calcio o andare in bicicletta. Allo stesso tempo, molte responsabilità ti aspettano oggi. Ti hanno dato molti compiti da fare e tua madre ti ha detto di pulire l'appartamento. Cosa scegli ? Uscirai di casa e approfitterai del tempo, se ti atterrai all'adempimento dei tuoi doveri? Devi scegliere. Devi decidere qualcosa.
In altre occasioni, hai affrontato rapidamente i compiti e guardato un film TV interessante. Poi senti la voce della mamma : "Per 15 i negozi chiudono in pochi minuti. Abbiamo finito lo zucchero. Vai a comprare un chilo " ! Vuoi rispondere : "Mamma, devi interrompermi nel momento più interessante ? Potresti andare al negozio da solo ". Ma hai riflettuto. Non puoi ferire tua madre. È già stanca dei suoi numerosi doveri. Allora cosa fai ? Cosa scegli ? La tua vita è piena di situazioni simili. Devi ancora scegliere. Forse pensi a volte : come se andasse bene, se l'uomo avesse la capacità di fare una scelta buona e facile. C'è una tale capacità in una persona ?

Coscienza

C'è una tale capacità dentro di noi, che ci rende più facile fare una buona scelta tra due o più cose. Grazie ad esso distinguiamo il bene dal male. Qual è questa capacità ? Da cosa è caratterizzato ?
Rispettare la salute di qualcun altro, proprietà di qualcun altro, compiacenza, dovere, ecc.. pensiamo ancora che sia qualcosa di buono, anche allora, quando è connesso alla necessità di superare se stessi, rinunciare all'interesse personale. Ma tali azioni, come rubare, rabbia, calunnia, Consideriamo sempre la mancanza di rispetto e la gentilezza verso le altre persone come una cosa negativa, anche se danno qualche soddisfazione e piacere per il momento.
Questa capacità non solo ci insegna a distinguere il bene dal male, ma, inoltre, ci ispira a fare cose buone internamente, e l'abbandono del male. Quando vediamo, che qualcuno ha bisogno del nostro aiuto, ci sentiamo internamente, che dovremmo darlo a lui. Anzi, quando feriamo i nostri genitori con la nostra condotta o parole, educatori o colleghi, ci sentiamo internamente, che deve essere abbandonato, che non devi andare avanti così.
E infine, questa capacità diventa il nostro giudice. Se scegliamo questo, che internamente abbiamo giudicato buono o migliore di qualcos'altro, ci sentiamo soddisfatti, calma, e persino orgoglioso, anche se nessuno dall'esterno ci loda per questa scelta, né ricompensa. E viceversa, se trascuriamo le cose, che internamente riteniamo buono o migliore di altri, o scegliamo cattive azioni, ci sentiamo ansiosi, amareggiato. A volte ci condanniamo. Ci piacerebbe cancellare alcune delle azioni dalla nostra vita.
La gente chiamava questa preziosa capacità coscienza. La coscienza, quindi, è un'abilità speciale, che ci permette di distinguere tra azioni buone e cattive. Ci stimola a fare del bene, e ti impedisce di fare il male. Infine, è il nostro giudice. Ci ricompensa con la pace e la gioia interiore, quando scegliamo e facciamo del bene, e preoccupa i rimproveri, quando facciamo qualcosa di sbagliato.
Le persone comunemente considerano la coscienza un grande valore. Pertanto, quando vogliono lodare un uomo per le sue azioni, lo chiamano coscienzioso. D'altra parte, su un uomo, che ha commesso molti crimini o causato molti torti, dicono, che è senza coscienza.
Molti film trattano la questione della coscienza umana, opere teatrali o letterarie. Ne è stato scritto nella letteratura mondiale sin dai tempi più antichi. È stato particolarmente acuto nei processi internazionali ai criminali di guerra. La questione della coscienza riguarda tutte le persone. Perché la coscienza è la base della vita morale dell'uomo e della sua valutazione morale. Avere una coscienza ed essere guidati da essa distingue essenzialmente l'uomo dal mondo degli animali.

L'obbligo di plasmare la coscienza

Anche il miglior sciatore, calciatore, cantante, scrittore, artista o artigiano, con il momento, quando smetto di allenarmi, esercizio, affina le tue capacità, perde la sua efficienza, che ha vinto. Lo stesso vale per l'abilità, che chiamiamo coscienza. Non forma una coscienza come questa dovrebbe, che sceglie il male più del bene, chi non ascolta la coscienza e ne ignora la voce. Può quindi coprirli completamente. Quindi ci incontriamo nel mondo e queste persone, che lo considerano buono, che è comunemente considerato una cosa negativa. Queste persone scelgono le azioni più spesso “male che bene e diventare quasi completamente sordo al rimorso.
Disposto a proteggere la nostra coscienza dalla distorsione, devono essere costantemente sviluppati e modellati.
Sviluppiamo la nostra coscienza, quando scopriamo principi morali, conoscere sempre meglio il mondo e il suo ordine, per esempio.. i diritti della persona umana, il diritto di vivere in modo sano con le persone della comunità, ecc.. Conoscere queste e simili leggi morali e le loro basi: la legge naturale, l'uomo scopre la legge creata da Dio e allo stesso tempo innata in ogni essere umano. Questa legge si applica a tutte le persone, poiché questo è ciò che intendeva il Creatore dell'uomo. Dio ce lo insegna in 15 Domenica durante l'anno (anno C) : "Comanda questo, che ti do oggi, non è al di là delle tue capacità e non è al di là della tua portata. Non è in paradiso, si potrebbe dire : «Chi salirà al cielo per noi e ce lo porterà?, e noi li ascolteremo e li realizzeremo ». E non è sul mare, in modo che tu possa dire : «Chi andrà all'estero per noi e ce lo porterà?, e noi li ascolteremo e li realizzeremo ». Perché questa parola ti è molto vicina : nella tua bocca e nel tuo cuore, in modo che tu possa riempirli " (Pwt 30, 11-14).
Quindi coscienza, anche se una persona non lo sa nemmeno o non ci pensa al momento, collega l'uomo con il Creatore. La coscienza diventa una guida nella nostra condotta quotidiana. Se seguiamo le sue indicazioni, quindi, li miglioriamo e li sviluppiamo. La legge naturale si applica a tutte le persone. Un cristiano, tuttavia, può conoscerli meglio, per capire e realizzare attraverso la luce, contenuto nel decalogo rivelato da Dio stesso. Il cristiano riceve ancora più luce grazie a Cristo. Supportato dagli insegnamenti e dall'esempio di Gesù Cristo, che il Vangelo mostra, Un cristiano può conoscere e apprezzare meglio il bene e il male. Come persona battezzata, dovrebbe esserne consapevole, che è unito a Cristo. Dopo tutto, è una "nuova creazione". Quindi non ha solo la capacità di sviluppare la sua coscienza, ma ha la potenza di Cristo in lui, che lo rafforza costantemente nel plasmare la sua coscienza. Lo stesso Spirito Santo risiede nella persona battezzata e confermata, Spirito di saggezza e amore. Dà al cristiano la forza per ascoltare la voce della coscienza e per dirigere tutto a Dio. Gli insegnamenti della Chiesa sono un segnale esterno e diretto per un cristiano. Tuttavia, non dobbiamo dimenticare, che la scienza rivelata non fornisce soluzioni a tutte le questioni morali specifiche. Anche il Magistero della Chiesa non ha risposte preconfezionate a tutte le difficoltà morali. Da qui i membri della Chiesa, anche più di altre persone, dovrebbero prendersi cura del costante sviluppo della loro coscienza. A tal fine, dovrebbero imparare sempre di più sul Vangelo e su tutta l'Apocalisse, al fine di prendere la propria decisione in un caso specifico. Allo stesso tempo, il cristiano deve lavorare su se stesso, per controllarti, pratica in buona condotta, che la sua coscienza possa essere sempre vigile e corretta.
Infine, devi ricordare, che il corretto sviluppo della coscienza dipende dall'ambiente, in cui vive l'uomo. La famiglia e l'ambiente circostante possono plasmare bene la coscienza, ma possono anche distorcerli. I mass media possono avere un enorme impatto sulla formazione della coscienza, come la stampa, cinema e moda. Pertanto, un cristiano maturo sarà attento a opinioni diverse ea opinioni diverse ,,modelli di comportamento ". Continuare ad agire secondo la propria coscienza lo migliora, e una condotta contraria ad essa può intorpidire e distorcere la coscienza.

Come risponderò a Dio ?

Devo scegliere ogni giorno tra il bene e il male. Ma io faccio, che sono libero di scegliere. La mia coscienza è la mia guida.
Mi chiederò davanti a Dio : Come sviluppo e modifico la mia coscienza ? Quante volte nel mio esame di coscienza valuto il mio comportamento alla luce del decalogo, e soprattutto alla luce del Vangelo di Cristo ? Quante volte seguo la mia coscienza, e quante volte lo contraddico ? Come agisco in caso di dubbio ? Allora chiedo consiglio ai miei genitori, catechisti, il mio confessore ?

“Con tutto il cuore, ti sto cercando ; non lasciarmi deviare dai tuoi comandamenti.
Conservo il tuo discorso nel mio cuore, per non peccare contro di te. Beato te, Signore, insegnami le tue leggi! […]
Sono lieto della via dei tuoi ammonimenti come di tutte le ricchezze.
Mediterò sulle tue decisioni e prenderò in considerazione i tuoi percorsi.
Gioirò dei tuoi statuti: Non dimenticherò le tue parole "
(Ps 118, 10-16).

■ Pensa :

1. Jakie zadania w życiu człowieka spełnia zdolność, che chiamiamo coscienza ?

2. Jakie fakty potwierdzają, che le persone universalmente considerano la coscienza di grande valore ?

3. Co staje się z sumieniem, che non è costantemente sviluppato e istruito ?

4. Kto udziela nam światła w kształtowaniu sumienia ?

5. Jaki znasz najlepszy sposób doskonalenia własnego sumienia ?

■ Ricorda :

32. Czym jest sumienie ?

La coscienza è un'abilità, che ci permette di distinguere tra azioni buone e cattive, ci spinge a fare del bene, e ci impedisce di fare il male ed è il nostro giudice.

33. Jakie obowiązki ma człowiek względem własnego sumienia ?

L'uomo dovrebbe ascoltare la voce della sua coscienza e plasmarla in questo modo, che giudica correttamente il bene e il male.

■ Attività :

Ricorda un film o un romanzo, che parlano di coscienza.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *