Curriculum vitae – Aniela Salawa

Al lavoro e nella sofferenza (Aniela Salawa)

C'è un posto simile nella chiesa francescana di Cracovia, dove puoi vedere le persone che pregano in qualsiasi momento della giornata. Questa è la Cappella della Passione, e in essa una targa con l'iscrizione : "Serva di Dio Aniela Salawa". E una foto rotonda di una donna con i capelli scuri e gli occhi morbidi. È per lei, a questa Angela, il cui corpo è stato trasferito qui dal cimitero di Rakowice, persone diverse vengono a pregare e le chiedono di intercedere presso Dio. E spesso vengono ascoltati. Quindi scrivono i loro ringraziamenti su un pezzo di carta e lo lasciano al verbale, oppure lo danno ai francescani per custodia. Lo testimoniano, che l'anima di Angela piace a Dio. A quanto pare, Angela potrebbe vivere così sulla terra, che aveva ottenuto favori da Dio. Ora la sua intercessione presso Dio è così efficace.

E ha vissuto relativamente presto, perché solo 41 anni. Veniva dal villaggio di Siepraw, distante 18 chilometri da Cracovia, in cui si è trasferita 16 anni che lavora come domestica, cioè aiuto domestico. Perché la casa di famiglia non era ricca. Aniela lo era già 11 bambino e padre, piccolo contadino, piccolo fabbro, difficilmente poteva guadagnarsi il modo di sfamare una famiglia così numerosa. Pertanto, tutto è stato salvato a casa, anche mangiando. Anielka stessa parlò più tardi, quella mamma ha insegnato loro a mangiare poco, lavorare e pregare molto. Aveva una madre molto buona e pia. Non si preoccupava solo di nutrire i bambini, ma anche per la loro educazione cattolica. La domenica pomeriggio leggeva e spiegava loro buoni libri religiosi. Queste lezioni di religione domestica aiutarono Aniela nei suoi ultimi anni. Fino alla fine della sua vita, ha mantenuto la sua passione per la lettura di libri religiosi.

A Siepraw, Anielka ha completato solo due anni di scuola elementare, perché non c'erano più classi lì. Quando è cresciuta ed era vecchia 16, i suoi genitori volevano sposarla, ma lei ha resistito. Lo sognava segretamente, per entrare in un monastero. Ma per ora doveva andare a cercare lavoro e guadagno fuori casa. Così è andata a Cracovia, perché lì lavorava sua sorella Teresa. È stata lei a trovare Aniela il primo servizio. All'inizio è stato un duro lavoro. Le richieste erano alte, il pagamento è scadente. Quindi ha cambiato il servizio alcune volte, fino a quando non è arrivata in una casa del genere, dove si sentiva molto bene. E ha lavorato quasi lì 11 anni. La padrona di casa la riconobbe presto, le piaceva, si fidava e ricompensava profumatamente. Aniela potrebbe guadagnare un po 'e assicurarsi una tranquilla vecchiaia. Nel frattempo, le cose sono andate diversamente. Dopo diversi anni di servizio, la sua amata signora morì, che si fidava di lei così. Anche il padrone di casa era buono, ma qualche tempo dopo la morte della moglie ha accusato Aniela di furto e l'ha licenziata dal lavoro. È stato molto doloroso per lei. Non si è pronunciata né si è spiegata, anche se non era vero. Ha fatto le valigie e ha lasciato questa casa. Poi ha lavorato un po 'di più, ma presto. Si è ammalata. Diverse sofferenze l'avevano privata delle sue forze, in modo che non potesse guadagnare per se stessa. Inizialmente, ha trovato rifugio nell'ospedale della St.. Vivo, ma rimase lì per poco tempo. Ha affittato una piccola stanza nel seminterrato (come se nel seminterrato) in via Radziwiłłowska 20 e ha vissuto lì per gli ultimi quattro anni della sua vita. Allora ha sofferto molto. Era abbandonata e alla grazia umana. È morta 12. III. 1922 r., e il suo corpo fu sepolto nel cimitero di Rakowice. Da lì dopo 27 anni sono stati trasferiti alla chiesa francescana, dove si riposa fino ad oggi e dove le persone spesso le chiedono di intercedere presso Dio.

Quindi la vita di Aniela Salawa è passata molto normalmente. È strano, perché non è stato dimenticato, che ne dici di tanti altri morti. Per capirlo, devi guardare nella sua anima, tenere conto, cosa pensava di se stessa e di Dio, e cosa si meritava per la memoria umana e così via, che Dio l'ascolta. Quando ha lasciato la casa di famiglia, era una normale ragazza di campagna, come tanti suoi coetanei. Poi a Cracovia, non appena stava meglio, iniziò a prendersi più cura del suo aspetto e dei suoi abiti. Le piaceva anche il divertimento e l'intrattenimento. Ha curato il lavoro ,,con mousse " : deve essere fatto, guadagnare. Invano, suor Teresa l'ha avvertita e istruita, che non avrebbe speso denaro senza pensieri e non avrebbe corso il rischio di povertà. Solo quando Teresa si ammalò improvvisamente e morì, Aniela capì; che aveva agito in modo sbagliato ignorando gli avvertimenti di sua sorella. Ha iniziato a pensare di più a se stessa. È diventata più economica nella spesa e più cauta nel suo comportamento. Stava pregando di più adesso, custodiva la confessione e la santa comunione. Inoltre, iniziò, come prima sua madre, a comprare libri religiosi e a leggerli. Tornarono anche i vecchi pensieri sul monastero. Ma il prete, che l'ha confessata, non approvava questa intenzione. Mi ha detto di aspettare, medita e prega. Ha obbedito e ha fatto bene. Col tempo ha capito, che Dio non la chiama al monastero, ma io voglio, rimanere nel mondo. Poi ha deciso di non sposarsi, ma resta una serva per tutta la vita. Ha detto una volta : ,,Ho scelto volontariamente lo status di servo… disprezzare la felicità, che è successo a me, ufna, che in questo stato, così umiliante, Risponderò alla richiesta di Dio ". Questa è stata la sua ispirazione nella preghiera e gli è rimasta fedele fino alla fine. Perché le preghiere di Angela si stavano facendo più lunghe e più calde. E in quei momenti Dio le parlava molto volentieri. E stava migliorando sempre di più sotto l'influenza di queste ispirazioni. Stava già lavorando non solo per i guadagni, ma per amore delle persone. Era meno preoccupata di se stessa, e altri uomini. Tutti i suoi soldi sono andati a soddisfare le esigenze di varie persone che cercavano aiuto da lei. Pertanto, non aveva risparmi. Si fidava, che Dio non l'avrebbe abbandonata. Quando è scoppiata la prima guerra mondiale, Molti soldati feriti furono portati a Cracovia dal fronte. C'erano anche prigionieri di guerra. Aniela è la prima, spontaneamente, non convocato da nessuno, ospedali visitati, si prendeva cura dei malati, ha portato cibo e confortato. I soldati feriti hanno parlato di lei : ,,È un vero angelo ".
Le venne anche un pensiero mentre pregava, che piacerà al meglio al Signore Gesù, quando è disposta ad accettare ogni sofferenza e spiacevolezza. E non sono mancati nella vita di Angela. Era sempre in cattive condizioni di salute ed era costantemente turbata. Lo sopportava pazientemente. Con il tempo si ammalò per sempre e soffrì molto. Già nella sua giovinezza soffriva di stomaco ed ernia. A questo si aggiungeva la tubercolosi ossea, laringe e polmoni, paralisi del braccio e della gamba destra, e infine il cancro allo stomaco. Tutte queste malattie le causavano molti dolori. Il peggio è stato l'ultimo 4 patch, quando giaceva nella sua stanza buia, solitario e abbandonato. Ma non si è mai lamentata, sì, ha offerto volentieri le sue sofferenze per i peccatori e per la patria. Lei lo sapeva, che purificano la sua anima, e possono anche aiutare gli altri. Nelle note, quello che ha lasciato alle spalle, noi leggiamo :
,,0 Gesù, ne conosci solo uno… quanto desidero soffrire per te… Dio, uno che temo di più, in modo che lo zelo per la sofferenza non mi abbandonasse… O, Voglio solo soffrire ".
Ha vissuto con questo desiderio per diversi anni fino alla sua morte. Si raccontano cose interessanti su alcune delle sue malattie : che gli hanno trasmesso da altre persone. In questo modo, voleva aiutarli e liberarli dal dolore. Un giorno lì, dove lavorava, ha incontrato un giovane funzionario, la cui paralisi ha preso il sopravvento sul lato destro del suo corpo. Il malato provava una terribile disperazione: voleva togliersi la vita. Poi Angela ha cominciato a pregare : ,,Gesù, dammi la malattia di quel pazzo, è così spaventato dal tuo tesoro: la croce…"E Gesù la ascoltò : il giovane si riprese, e la mano e il piede destro di Angela erano paralizzati. Doveva essere simile con la sua malattia allo stomaco.
Oltre a queste sofferenze fisiche, ha sofferto molto dalle persone. La cosa più dolorosa è stata l'accusa di furto e licenziamento ingiusto dal lavoro. L'ha presa coraggiosamente. Perché nonostante così tante malattie, sembrava sana, molte persone non credevano, che soffriva così tanto e l'accusava di fingere e isteria.
Ed era paziente con queste spiacevolizze. Alla fine della sua vita, i peggiori tormenti l'hanno assalita. Terribili dubbi la colsero. Le sembrava, che Dio non ha accettato il suo sacrificio. Violente tentazioni sataniche l'attaccarono. Lo spirito malvagio ha messo alla prova la sua fede, speranza e amore. Questi tormenti spirituali durarono tre mesi. Ma è sopravvissuta anche a questo. Poi tutto si è calmato e quando è arrivato il giorno della morte, Angela, silenziosa e guardando lontano, si è allontanata da Dio.

Questa era la vita di Aniela Salawa, servo di lunga data. Ordinario all'esterno, e pieno di grande amore e sacrificio dentro. Si scopre, che a Dio piace un uomo simile, che sa accogliere le sue ispirazioni e realizzarle anche allora, quando sono pesanti e dolorose. Persone così, anche se hanno fatto pochissimo lavoro qui sulla terra, Il Signore Dio sale in alto nei cieli e non permette che siano dimenticati sulla terra. Molte persone di quei tempi non vengono menzionate per molto tempo. Aniela Salawa è ancora viva nella memoria umana, i libri scrivono su di lei, la stanno pregando, e Dio ascolta e conferma queste richieste, che ama quest'anima e la ripaga profumatamente di tutto, quello che ha sofferto per lui sulla terra.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *