I MISTERI DOLOROSI

I MISTERI DOLOROSI

io. Preghiera di Gesù nel Getsemani

Getsemani - L'ora della paura, ora di tormento, tristezza, sudore sanguinante, amici, i cui occhi sono assonnati e che non capiscono. (…) Getsemani - l'ora della preghiera tesa come una corda, colloquio filiale con il Padre, accogliendo con amore il calice dell'amarezza.
A proposito di un amico di persone, La vostra sottomissione alla volontà del Padre è la nostra forza nelle decisioni evangeliche in mezzo ai pericoli della vita. Rafforzaci sulla via della fede, fa in modo che succeda, affinché possiamo senza paura dare la nostra vita in nome dell'amore della Vita.

II. Flagellazione di Gesù

Gesù accetta silenziosamente insulti e scherni. Nel mezzo di un'assoluta incomprensione - il Re della verità (…). "Disprezzato e rifiutato dalla gente. Un uomo di dolore, abituato alla sofferenza... Si è caricato della nostra sofferenza, Ha portato i nostri dolori". Illuminato dalla verità, che libera, ti chiediamo, insegnaci a vedere il tuo volto in ogni persona. La tua presenza in ogni persona povera e perseguitata, in ogni, che fa pace e giustizia - un fratello chiamato alla grazia della filiazione di Dio.

III. Il Signore Gesù è coronato di spine

St.. Giovanni ci porta a trasformare la nostra meditazione in una preghiera piena di adorazione e di tenerezza davanti alla sofferenza di Gesù, coronato di spine: Pilato, scrive S.. John - uscì di nuovo e parlò loro: "Ecco che te lo porto... perché tu lo sappia, che non trovo alcuna colpa in lui". Allora Gesù uscì fuori, in una corona di spine e un manto di porpora (…). Da quel giorno ogni generazione umana è chiamata a pronunciarsi davanti a quest'Uomo incoronato di spine. Nessuno può rimanere indifferente. Devi sentirti dire. E non è solo una parola, ma anche per atto.

IV. Via Crucis di Gesù

Ora Gesù, ovviamente, è un campione, chi è davanti ai suoi studenti, un sacerdote che sale all'altare sacrificale, un agnello che porta il peccato del mondo. (…) Da quel momento inizia il grande ritorno dell'uomo alla casa del Padre. Con una croce (…) Gesù aspetta l'ultimo del popolo, portare con sé il peso della vita.
Gesù, Santo sacerdote, schiacciato da una croce, sali sulla collina del sacrificio, unisci le sofferenze di tutte le nazioni con il tuo sacrificio e raduna tutti i popoli presso l'albero della croce. Lode a te, Cristo. La tua croce mostra il modo di vivere, segna la via della speranza.

V. La morte di Gesù sulla croce

Gesù morente chiama due volte ad alta voce: "Mio Dio, mio Dio, ciò che mi ha abbandonato?". Un grido misterioso e doloroso. Una voce di speranza contro la disperazione, un canto di vittoria sui poteri del male. Gesù, amico leale, tradito, rise, lo conferma, che avvenne nella quiete del Cenacolo, afferma l'amore per l'uomo, perché "nessuno ha amore più grande di questo, quando qualcuno offre la sua vita per i suoi amici ".
Gesù, attraverso la tua passione e morte, perdonaci il nostro peccato, per la potenza del tuo Spirito, rinnova la faccia della terra.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.