I MISTERI DELLA LUCE

I MISTERI DELLA LUCE

io. Gesù è battezzato in Giordania

“Sei il mio amato Figlio!". La voce dal cielo sul Giordano si riferiva a Gesù nel grado più alto e ineguagliabile, l'unico vero Figlio di Dio da tutti i tempi. Ma oggi e in ogni battesimo, queste parole dal cielo sono ancora pronunciate di nuovo su ogni battezzato (…). Si deve, perché un seme di grazia sia posto nei nostri cuori, cioè dentro i battezzati, crebbe e portò frutto in abbondanza (…). Anche tu, adulti, sei chiamato a vivere secondo il tuo battesimo, cioè rinnovare la vostra fede nel Signore e le vostre responsabilità ecclesiali, perché, co [al battesimo] ci esercitiamo, ci attira tutti personalmente.

II. L'apparizione del Signore Gesù alle nozze di Cana in Galilea

In ogni caso, la sua fiducia in suo Figlio viene premiata. Gesù, al quale ha lasciato completamente l'iniziativa, fa un miracolo, riconoscendo il coraggio e l'umiltà della Madre. Gesù disse loro: «Riempi d'acqua i vasi!». E li riempirono fino all'orlo " (J 2, 7). Così la loro obbedienza contribuisce anche all'abbondanza del vino. Il comando di Maria: "Fare tutto, qualunque cosa ti dica" (J 2, 5), è sempre rilevante per i cristiani di ogni epoca, e il suo scopo è ristabilire effetti miracolosi nella vita di ogni essere umano (…). L'episodio degli amori a Cana in Galilea ci incoraggia, affinché possiamo essere coraggiosi nella fede e sperimentare la verità delle parole del Vangelo nella nostra vita: "Chiedi, e ti sarà dato".

III. Annunciando il regno di Dio e chiamando alla conversione

L'uomo non è testimone passivo dell'ingresso di Dio nella storia. Gesù ci chiama, affinché possiamo cercare attivamente il regno di Dio e la sua giustizia e che diventi la nostra prima preoccupazione (di. Mt 6, 33). Quindi l'uomo è chiamato, a mano, ha collaborato con la mente e il cuore alla diffusione del regno di Dio nel mondo. Questo è particolarmente vero per questi, che sono chiamati all'apostolato e che sono, come S.. Paolo - "collaboratori nel regno di Dio", ma vale anche per ogni essere umano.

IV. La Trasfigurazione sul Monte Tabor

Al momento della trasformazione, si sente la voce del Padre Celeste: “Questo è il mio amato Figlio, Ascoltalo!" (Mk 9, 7). Queste parole contengono l'intero programma: dobbiamo ascoltare Gesù. Ci rivela il Padre, perché come Figlio Eterno egli è "l'immagine del Dio invisibile" (Col. 1, 15), e nello stesso tempo - come vero Figlio dell'uomo - ci rivela, chi siamo, rivela l'uomo all'uomo stesso. Quindi non abbiamo paura di Cristo! Sollevandoci alle vette della sua vita divina, Non ci priva dell'umanità, ma il contrario, ci rende più umani, dare pieno senso alla nostra vita personale e sociale.

V. Istituzione dell'Eucaristia

Gesù ha istituito l'Eucaristia, perché lui voleva, affinché il suo sacrificio redentore sia presente in ogni tempo e per ogni generazione. Impariamo dalla Beata Vergine, la cui vita fu una vera "esistenza eucaristica". Si è lasciata plasmare completamente dalla presenza del suo Figlio Divino (…). È piena di grazia, è il tabernacolo vivente del Verbo Incarnato. Glorificando Cristo Signore presente nell'Eucaristia, rivolgiamoci a lei con gratitudine infantile, che divenne la porta reale per la sua venuta nel mondo.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.