Curriculum vitae – Fratello Albert Chmielowski

"Devo stare con loro" (Fratello Albert Chmielowski)

Un giorno di dicembre, gli abitanti di Cracovia videro uno strano spettacolo per strada. Alto, uomo con una gamba sola, vestito con un abito monastico grigio, cavalcava un piccolo carro trainato da cavalli. Stava scuotendo il campanello in modo strano, come se volesse attirare l'attenzione. In un primo momento, questa vista ha causato una sensazione comprensibile. Perché pensaci, il frate zoppo, scherzo magro e una piccola campana della chiesa. Chi è questo strano uomo e cosa sta cercando per le strade di Cracovia ? Da quel momento in poi, è stato visto sempre più spesso, mentre cavalcava lentamente, qua e là si fermava e portava tutto sulla sua sedia a rotelle, quello che le persone buone gli hanno dato : verdure, frutta e raccolti in genere o qualcosa da mangiare e vecchi vestiti logori. Sempre calmo, sempre gentile, non scoraggiato da una parolaccia, con un commento ironico o con un sorriso beffardo.
Chi è questo strano uomo ? Molti pensavano. Sapevano molto poco di lui. Che una volta era un pittore, ma ora ha lasciato il gioco, si stabilì nella centrale termica comunale e si affidò ai signori del magistrato, che si sarebbe preso cura dei poveri, senzatetto, chi è rimasto lì. Anche loro furono presto convinti, che aveva un cuore molto buono. Poteva fare qualunque cosa, quello che possedeva, e anche per donarsi ai poveri. Uno degli scrittori contemporanei (UN. Nowaczyński), che anche per un po 'ha voluto unirsi a lui e dedicarsi anche ai poveri, ha scritto un libro su di lui e lo ha intitolato : "L'uomo più bello della mia generazione". E nella vita di tutti i giorni si chiamava semplicemente Fratello Albert.
Il passato e la giovinezza di quest'uomo erano interessanti. Adam Chmielowski, perché quello era il nome del fratello Albert, è nato nell'anno 1846. La sua infanzia è stata triste. Quando aveva sette anni, suo padre è morto, e sei anni dopo mia madre. Il tredicenne Adam è stato allevato da sua zia. Lo mandò a una scuola di agraria e silvicoltura a Puławy. E lì fu trovato allo scoppio della rivolta nel 1863 r. Da ragazzo di diciassette anni ha combattuto nell'unità forestale vicino a Kazimierz. È stato molto coraggioso. È rimasto gravemente ferito in una delle scaramucce. Ha perso la gamba. Negli anni del vagabondaggio scopre un talento pittorico. Studia al corso di disegno di Varsavia ea Monaco di Baviera. Era amico e consigliere di giovani pittori : Maksym Gierymski, Józef Chełmoński e Stanisław Witkiewicz.

Quando dipingi quadri religiosi, soprattutto l'immagine di Cristo, il famoso "Ecce Homo", sperimenta una profonda trasformazione interiore. In essa si sente la voce della vocazione alla vita religiosa. Inizialmente, è entrato nell'Ordine dei Gesuiti, ma dopo sei mesi di noviziato lo lascia. Perché il suo posto non era qui. Durante questo periodo sta attraversando momenti molto difficili. La sua anima ha una profonda ansia per la propria salvezza. Alcuni addirittura lo sospettano di una malattia mentale, ma non era una malattia, ma qualche strana tristezza e confusione interiore : Cosa fare ? A quel tempo, andò in campagna a visitare suo fratello Stanisław. Lentamente arrivò la rassicurazione. E quando un giorno trovò in biblioteca un libricino intitolato. "Regola di S.. Francesco ", ottiene l'illuminazione. Vede lo scopo della sua vita : servizio agli altri nella povertà francescana, come terziario francescano.

Bandito dalla Podolia dalle autorità zariste, viene a Cracovia. Dipinge ancora molto, ma ci vuole più tempo nella sua vita per prendersi cura dei poveri, che non mancavano in quel momento a Cracovia. Inizialmente, li raccoglie nel suo appartamento, dove li nutre e li veste. Una volta, insieme ad alcuni signori dell'ente di beneficenza, è andato in uno dei rifugi per senzatetto a Cracovia, il cosidetto. impianto di riscaldamento. Per, quello che ha trovato qui, lo scosse. Poi, lui ha detto : ,,Devo stare con loro. Non posso lasciarli così ". Ha chiesto il permesso al municipio di prendersi cura di questa povera casa, quale era la centrale termica. Lui capì, che vogliono aiutare i poveri, non basta uscire da loro con i panini, ma devi diventare uno di loro, per trasformarli. Abbandona quelli esistenti, vita comoda, vivere con i poveri. È solo un peccato, quali sono, dorme su una tavola coperta da una coperta strappata, cambia il suo vestito in un abito rozzo, che non offende gli occhi dei poveri. Presto, seguito dal suo esempio, altri si uniscono a lui. Nell'anno 1888 viene formata una congregazione di Fratelli al servizio dei poveri, il cosidetto. albertyni, e due anni dopo le suore Albertine. Queste persone non hanno esitato a intraprendere i lavori più difficili, solo per poter sostenere i poveri. Il fratello Albert e i suoi aiutanti capirono, che devi amare Dio, sì, che amare le mie spalle farebbe male, gambe e testa. L'abito grigio Albert si trovava spesso accanto alla camicetta dell'operaio, per esempio.. alla costruzione della strada da Zakopane a Morskie Oko. Furono visti anche il fratello Albert ei suoi fratelli, come raccoglievano l'elemosina per i loro poveri. Lentamente hanno vinto la simpatia comune. I poveri li hanno presi per loro, altri vedevano in loro un esempio di amore cristiano. Un sami albertyni ? Essi, insieme al suo fondatore, il fratello Albert, loro capiscono, per dare il pane agli affamati, e un senzatetto un tetto sopra la sua testa, non è tutto. Tali elemosine a volte possono rovinare ancora di più una persona. La dignità umana deve essere restituita ai poveri, aiutalo, per farlo sentire di nuovo utile e prezioso. E allora succederà, quando queste persone, vivere solo di accattonaggio o furto, avrà l'opportunità di lavorare e guadagnare soldi. Saranno in grado di sostenersi da soli. E il fratello Albert fa degli sforzi, che le persone lavorassero nel suo manicomio. Alcune persone prendono parte a un lavoro part-time, e per altri organizza seminari. In primo luogo, un laboratorio di tessitura di sedie, poi un laboratorio di tappezzeria. Oltretutto, dove posso, lì sta cercando di trovare lavoro in varie imprese per le persone, che ha salvato dalla loro miseria, che ha guarito dal furto o dall'ubriachezza, che ha allontanato dal sentiero del crimine. Le sue attività sono tanto più importanti, questo è parecchi decenni avanti, quello che oggi si chiama assistenza sociale. Per, cosa fanno oggi gli uffici di collocamento quando cercano lavoro per i disoccupati, per, quello a cui pensa oggi l'intero esercito di persone, che organizza l'assistenza ai senzatetto per conto dello Stato, uomo vecchio, malato terminale, ecc.. - diversi decenni fa era nelle mani e nel cuore di un uomo: il fratello Albert.
I jeszcze dziś opiekę nad nieuleczalnie chorymi w zakładach specjalnych przekazuje się niejednokrotnie albertynom i albertynkom. Quindi l'idea della vita del fratello Albert continua a realizzarsi. Servire gli altri implicava così tanto il fratello Albert, che aveva finito il tempo per dipingere. Ma nonostante questo, è rimasto un grande artista per sempre, perché la sua visione del mondo era così meravigliosa, per la vita. Stava ancora cercando una perfezione superiore, bellezza più piena. Ha sempre servito la bellezza nascosta nella sua martoriata umanità. Questa è vera arte, che ti rende migliore, rivela l'immagine di Dio nascosta in essa. Pertanto, quando tra un anno 1916 Il fratello Albert è morto, l'intera Cracovia lo ha onorato : e il povero e il ricco. È stato onorato come un grande artista, l'uomo più bello del nostro tempo, che ha mostrato con la sua vita, quel sacrificio per gli altri ha sempre valore.

Vi invitiamo a leggere: Biografia di Brother Albert

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *