Curriculum vitae – Maksymilian Kolbe

Valore permanente del sacrificio della vita – (Bl. Maksymilian Kolbe)

„…Il giorno dopo, durante l'appello, Il comandante Fritsch annuncia : il fuggitivo non è stato trovato - Per punizione, dieci di voi moriranno nel bunker della fame. Cammina lentamente lungo la linea e indica con il dito : questo e questo qui. Un altro. Esci dalla linea. Ce ne sono dieci. All'improvviso si sente dei singhiozzi nel gruppo dei detenuti : Povera mia moglie, i miei poveri figli ! Non ti rivedrò mai più ! Gli altri sono sollevati. Questa volta hanno perso la loro terribile morte. All'improvviso tra i sopravvissuti 14 il blocco produce uno strano movimento. Qualcuno sta spingendo in avanti, esce fuori linea. Si avvicina al comandante del campo. Bene quello ? Cosa vuole ? Fritsch ha afferrato il revolver. Fece un passo indietro ! Urla! Quello che vuole è un maiale ? Padre Maksymilian nella sua uniforme a righe è in piedi davanti a lui, sorridente : - Voglio andare a morte per uno dei condannati - Per chi vuoi morire ? - Ecco qui. Ha moglie e figli. Padre Maksymilian ha puntato il dito contro il prigioniero, che singhiozzava in modo così atroce un momento fa. Tu chi sei ? - La risposta è breve e chiara : - Prete cattolico. Un altro momento di silenzio. Alla fine sputò fuori, come se suo malgrado, con voce roca - Bene. Vai ". In giornata 17 ottobre 1971 r. St.. ha proclamato solennemente padre Maksymilian Kolbe - martire del campo di concentramento di Oświęcim - beato. Vale la pena dare un'occhiata più da vicino a questa straordinaria figura, che si dice e si scrive oggi in tutto il mondo. è vero, che padre Kolbe è noto alla gente il più delle volte perché, che è stato reso simile a Cristo attraverso la sua vita, soprattutto da quando ha adempiuto alla sua chiamata : „…Che vi amate l'un l'altro, come ti amo " (J 13, 34). È stato l'ultimo atto della sua vita, eroico, straordinario. Ma al momento ha lavorato per molti anni. L'intera vita di padre Maksymilian Kolbe è stata una serie ininterrotta di cambiamenti, vittime quotidiane, che lo ha preparato per una tale fine.

Padre Kolbe ha dedicato tutta la sua vita a diffondere la venerazione dell'Immacolata, di cui era un grande adoratore. Quindi al ritorno da Roma, dove ha studiato ed è stato ordinato sacerdote, pubblica un mensile ,,Cavaliere dell'Immacolata ". Presto inizia a costruire un monastero, che era molto probabilmente il più grande monastero del mondo (762 monaci 1939) e un potente centro di pubblicazione (7 Scritti cattolici) a Niepokalanów vicino a Sochaczew. Il monastero esiste ancora oggi. Ha fatto tutto questo per l'Immacolata. Nessuna vittima lo spaventa, nessuno sforzo, fintanto che l'Immacolata era conosciuta in tutto il mondo. Il suo nome è famoso in Giappone, dove dentro 1930 r. organizza una missione e pubblica "Il cavaliere dell'Immacolata" in giapponese. Dopo aver lavorato in Giappone per sei anni, padre Kolbe torna nel Paese.

Nel suo lavoro apostolico utilizza le più moderne conquiste della tecnologia, senza risparmiare nulla, anche la salute gravemente danneggiata dalla tubercolosi. Diceva padre Kolbe, che dovremmo usare la tecnologia più recente per scopi apostolici, perché c'è così poco tempo, tuttavia non possiamo stare a malapena davanti a Dio.

La figura di padre Kolbe è nota a tante persone oggi non per la sua energia e zelo apostolico, ma grazie a un atto eroico, che stava volontariamente rinunciare alla sua vita per un compagno di prigionia. Testimoni oculari, compreso questo, la cui vita è stata salvata da padre Kolbe sacrificandosi volontariamente, Loro dicono, che questo silenzioso frate francescano pagava tutto con una moneta: preghiera. Ha pregato per tutti, senza eccezioni, soprattutto per questi, con cui il destino lo ha collegato. Ha pregato per il suo carnefice, che, per una confessione di fede, lo ha picchiato così duramente. E quando l'inconscio picchiato è stato messo nell'ospedale del campo, ed è nel corridoio vicino alla porta d'ingresso, anche lì pregava per gli altri. Goduto, che è alla porta che è più facile venire in aiuto degli altri, soprattutto per confessione. In ogni luogo somigliava al Cristo sofferente, che ha dato l'esempio, come amare tutti fino alla fine.

Morì di fame per il padre di famiglia, perché poteva davvero amare un'altra persona. Attraverso il suo sacrificio di vita, non solo ha salvato la vita di un altro prigioniero, ma ha anche rafforzato la fede nella vittoria finale del bene sul male.

In tutti i libri di testo per l'insegnamento della religione, viene mostrata la figura di padre Kolbe come eroe, che non ha esitato a dare la vita per un altro essere umano.

Padre Maksymilian Kolbe ha dimostrato con il suo atto, che l'ottimismo cristiano ha senso anche allora, quando apparentemente appare, quel male vince. Alla fine, il bene prevale sempre.

Ti invitiamo anche a: Biografia di Maksymilian Kolbe

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.