Curriculum vitae – Romuald Traugutt

In giornata 5 di agosto 1864 r. Migliaia di persone si sono radunate presso la cittadella di Varsavia. Cinque membri del governo della Rivolta di gennaio sono stati condotti all'esecuzione. Tra loro c'era Romuald Traugutt. Lo ha fatto per sei mesi, fino al suo arresto in aprile 1864 r., ha guidato il governo e ha guidato la rivolta. Oggi sul posto, dove Traugutt e i suoi quattro compagni furono giustiziati al patibolo, c'è una croce e una targa commemorativa.

Giorno 21 gennaio 1963 Nell'anno è stata posta una targa commemorativa in via Smolna, che non esiste più. Fu su questa strada che Traugutt una volta visse come leader della rivolta. Il giorno successivo, il Museo è stato aperto nel 10 ° Padiglione della Cittadella di Varsavia ; giusto qui, in una delle celle Traugutt trascorse gli ultimi quattro mesi della sua vita da prigioniero. Alla cerimonia hanno partecipato i massimi rappresentanti del governo polacco. Chi era quest'uomo, quello 100 anni dopo la sua morte, la Polonia lo ricorda e gli rende omaggio ?

Romualdo nato a 1826 ha trascorso l'infanzia e l'adolescenza nella sua regione natale al confine tra Podlasie e Polesie. Era dotato e intelligente. Dopo il diploma di scuola superiore a Świsłocz (con una medaglia d'oro) ha scelto una carriera militare. Ha trascorso i primi anni del suo servizio presso la Scuola di Ingegneria Militare di Żelechów, nel Łuków poviat. Questi furono gli anni più sereni e felici della sua vita. Dieci, che in futuro sarebbe morto per la libertà della sua patria, polacco, nell'anno 1849 dovette prendere parte alla spedizione dell'esercito russo contro la rivolta in Ungheria.

Subito dopo il matrimonio, è andato alla guerra di Crimea. Gli ci vollero quasi tre anni per vivere. Sempre estremamente composto, nei momenti più difficili della lotta, è stato in grado di mantenere la calma e la calma. Pertanto, i rapporti dei comandanti hanno espresso grande apprezzamento per Traugut.

Dopo la guerra, divenne il liquidatore generale degli affari economici dell'Esercito del Sud. Si è rivelato un uomo di grande onestà, lontano dalla corruzione, così comune nel suo ambiente. Successivamente trasferito a San Pietroburgo, divenne istruttore e docente presso la Scuola Militare di Ingegneria. Promozione al grado di capitano e Ordine di S.. Anna di 3a classe ha augurato un grande futuro per il giovane ufficiale.

Tuttavia, il destino ha decretato diversamente. Dopo la morte di due bambini e della sua amata moglie, si è sentito male in questa città, in cui questa disgrazia lo colpì. Gli mancava la sua patria. Su richieste urgenti, è stato dimesso dall'esercito con il grado di tenente colonnello. Dopo essersi risposato, si stabilì nella terra della sua terra natale, prendersi cura di crescere due figlie dal suo primo matrimonio. Lontano da ogni ambizione politica, voleva condurre una vita da uomo pacifico.

La rivolta di gennaio è scoppiata. Traugutt era sobrio, come specialista in affari militari ne era ben consapevole, in quali leader sconsiderati avevano spinto la nazione. Al processo, ha detto : ,,Non ho consigliato a nessuno la rivolta ". Passarono i mesi, e lui non si stava unendo alla lotta. Lo ha fatto solo a maggio 1863 anno. Ha preso il comando di una piccola unità ribelle, dopo aver sconfitto il quale è venuto a Varsavia. Il governo nominò generale Traugutt e gli affidò la carica di commissario straordinario.

Quando gli altri fallirono e non c'era nessun uomo, chi avrebbe il coraggio e la capacità di dirigere ulteriormente la rivolta, Romuald Traugutt lo intraprese a Varsavia. Ha assunto il potere supremo. È diventato un dittatore. Voleva salvare la nazione. ,,Il potere è un atto di sacrificio con noi, non ambizione ”ha ripetuto molte volte. Da quel momento in poi, l'intero fardello di dirigere la lotta per la liberazione della Polonia ricadde sulla sua testa. C'era una luce nella stanza fino a tarda notte, in cui solo, lontano dalla famiglia, ha redatto decreti e istruzioni del governo.

Voleva creare un'amministrazione ben funzionante, che prima era così dolorosamente carente. Voleva trasformare le truppe della guerriglia in un esercito regolare. Prestava molta attenzione ai contadini. In loro vedeva la forza essenziale nella lotta contro il nemico. In loro vedeva l'ultima speranza di vittoria.

Non era convinto a usare il terrore e la crudeltà contro il nemico, così come ai loro avversari.

Credente profondamente in Dio, non ha trascurato nulla con mezzi umani, che potrebbe portare alla vittoria. Non aveva paura di convocare i contadini per combattere il nemico. Ha visto, che è difficile per i contadini lottare per la libertà, che non hanno avuto per diversi secoli. Ha visto il loro dolore. Pertanto, ha applicato rigorosamente il decreto sulla loro concessione. Anche se ha mostrato un atteggiamento maturo e razionale, non aveva carenza di avversari.

Ha resistito fino alla fine nel posto scelto. Quando gli altri vedono, qual è la minaccia, si sono trasferiti o sono fuggiti all'estero, è durato. Fino agli ultimi giorni lavorava in via Smolna. È continuato anche allora, quando l'arrestato si è rotto e ha tradito gli altri. Traugutt capì, che l'amore per la patria lo richiede, rimanere in posizione fino alla fine. Ne era consapevole, che non deve scappare e lasciare al destino la lotta per la libertà della Patria. Romuald Traugutt potrebbe mollare tutto e scappare. Eppure non l'ha fatto. Rimase in carica fino al suo arresto.

Da dove ha tratto tanta forza Traugutt? ? Da cosa è stato guidato nella sua vita ? Era un uomo profondamente religioso e praticante. Pregava spesso e molto. La sua corrispondenza, soprattutto quello dei tempi, quando era il dittatore della rivolta, lo testimonia in modo molto eloquente, che è stato guidato dai principi del Vangelo nella sua vita.

La religione ha tratto la forza per farlo. La religione pervase tutta la sua vita. In esso ha trovato una fonte di forza, per resistere fino alla fine. Ciò è dimostrato dalle sue parole al generale Hauke-Bosak poco prima del suo arresto :

“Nella nostra situazione attuale, ci sono spesso molte cose che non possono essere fatte, come è inteso e come necessario ; in quei momenti devi farlo, tutto quello che puoi, e con coraggio manda il resto a Dio. Lavoro sincero e buone intenzioni, prima o poi Dio aiuterà e benedirà sempre…"

Queste parole di Traugutt confermano ancora una volta, che il suo amore per la Polonia non derivava solo dal fatto, che era un polacco, ma soprattutto dalla sua convinzione intrisa dello spirito del Vangelo di Cristo.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.