In Gesù Cristo, l'umanità ritorna al Padre

In Gesù Cristo, l'umanità ritorna al Padre

“Si è umiliato, diventare obbedienti fino alla morte - e alla morte di croce " (Flp 2, 8).
Chi vuole essere un medico o un ingegnere capace e utile, si sottomette a tutti i requisiti che gli vengono posti dal professore e dall'università. Non si sente umiliato, quando deve svolgere molti compiti a lui assegnati. Lo sa perfettamente, che non lo diminuisca, ma il contrario, si arricchisce di esperienze sempre nuove e si prepara ad assumere compiti responsabili.
Le persone non hanno paura di sottomettersi ad altre persone. Conoscenza, che senza cooperazione nella comunità tutto il progresso e lo sviluppo tecnico, scientifici o sociali sono impossibili. In un gruppo, in cui presiede qualcuno più talentuoso, e tutti i suoi membri svolgono i compiti loro assegnati, grandi risultati e vere scoperte si ottengono più facilmente.
Dio vuole la grandezza dell'uomo, perciò lo chiama costantemente a collaborare con se stesso, gli dà una parte nel governo del mondo. Eppure le persone trovano difficile ubbidire a Dio. Chi può insegnarci la vera obbedienza a Dio ?

Gesù obbedì al Padre fino alla morte

Gesù Cristo è venuto nel mondo, per riconciliarci con il Padre. Grazie al suo sacrificio, siamo stati dotati del perdono e dell'amore di Dio. Ciò che, tuttavia, era il più importante nel sacrificio di Cristo ? "Quindi venendo al mondo, lui dice : Non volevi il sacrificio o il regalo, ma hai formato un corpo per me ; Gli olocausti e i sacrifici per il peccato non ti piacciono. Poi ho detto : Eccomi - nel rotolo del libro c'è scritto di me - per fare la tua volontà, Dio.
Sopra ha detto : vittime, i regali, Non volevi olocausti e sacrifici per i peccati, e non ti sono graditi, sebbene siano fatti sotto la Legge. Poi, lui ha detto : Eccomi qui, affinché io possa fare la tua volontà. Rimuove una vittima, per stabilirne un altro. Con questa volontà siamo santificati dal sacrificio del corpo di Gesù Cristo una volta per tutte. È vero, ogni sacerdote fa il suo servizio quotidiano, molte volte lo stesso, facendo sacrifici, che in nessun modo può togliere i peccati. È l'opposto, avendo fatto un sacrificio per i peccati una volta per tutte, è seduto alla destra di Dio, aspettando solo, finché i suoi nemici non diventino i suoi sgabelli. Poiché con un'offerta li ha resi perfetti per sempre, che sono santificati " (Hbr 10, 5-14).
Legge dell'Antica Alleanza, che era vincolante per il popolo eletto, comandava di offrire sacrifici espiativi a Dio degli animali e dei prodotti della terra. Tuttavia, i sacrifici del popolo d'Israele non potevano togliere i peccati umani, e spesso non piacevano a Dio. A volte mancava il vero amore. La gente offriva a Dio doni materiali, puramente esterno. Erano ancora nel peccato internamente, in disobbedienza. Si sono allontanati da Dio. Ciò è spiegato dalla Lettera agli Ebrei, che pone le parole del salmo sulle labbra di Cristo come slogan fondamentale della sua vita. Gesù Cristo, venendo sulla terra, parlò al Padre in un certo modo : "Eccomi qui, affinché io possa fare la tua volontà ". Voleva essere obbediente al Padre in tutto. Quindi ha intrapreso tutto con il più grande amore, ciò che il Padre ha deciso, qual era la sua volontà. Ed era la volontà di Dio, quel Cristo, con il suo sacrificio d'amore e di obbedienza, piegato sulla croce, ha condotto tutti gli uomini al Padre. Cristo ha adempiuto la volontà del Padre con amore per tutta la sua vita. Quando era un ragazzo di dodici anni nel tempio di Gerusalemme tradusse ai suoi genitori, che lo cercò per tre giorni : "Perché mi stavi cercando? ? Non lo sapevi, che dovrei esserci, che cosa è di mio padre ?" (Luca 2, 49).
Dopo aver parlato con la donna samaritana, parlò ai suoi discepoli : “Il mio cibo è fare la volontà di Essa, chi mi ha mandato, e svolgere la sua opera " (J 4, 34).
Ha mostrato la sua obbedienza al Padre nel modo più perfetto durante la passione e la morte di croce. Nel Getsemani, sperimentando la paura della sofferenza, stava parlando al Padre : ,,Mio padre, se questo calice non mi può passare e devo berlo, lascia che la tua volontà sia fatta " (Mt 26, 42). Lo riempì fin nei minimi dettagli e mentre moriva poteva dirlo : "È fatta" (J 19, 30). È così che il Figlio di Dio ha risposto pienamente al Padre al suo grande amore, mostrato alle persone. Ha salvato il mondo attraverso la sua obbedienza (di. KK 3).

Gesù come il nuovo Adamo

L'obbedienza di Cristo ci viene spiegata anche da S.. Paolo nella sua lettera ai romani : “Poiché, come per la disubbidienza di un solo uomo, tutti furono resi peccatori, così per obbedienza a uno tutti diventeranno giusti " (Rz 5, 19).
Segue da queste parole, che, come tutti noi, partecipiamo al primo peccato umano, nel peccato originale, allo stesso modo partecipiamo alla giustificazione, che dobbiamo all'obbedienza di Gesù. Quindi condividiamo l'amore di Cristo, che ha mostrato al Padre. Insieme a lui, stiamo davanti al Padre, per rispondere al suo incomprensibile amore per noi. Al primo uomo, a cui è associato il peccato originale, dà la Scrittura. nome Adam. Questo nome - del primo Adamo - ci ricorderà sempre la catastrofe del peccato, che ha toccato anche noi. La nostra santificazione e riconciliazione con il Padre sarà sempre legata al nome di Cristo. Cristo, quindi, è "il secondo Adamo". Grazie a lui, siamo stati perdonati dei nostri peccati e siamo stati uniti a lui attraverso il battesimo, condividiamo la sua obbedienza. Possiamo rispondere a Dio per il suo amore. Tuttavia, devi fare uno sforzo, vivere lo spirito di amore e di obbedienza al Padre, come ha fatto il Figlio di Dio, Gesù Cristo.

Come risponderò a Dio ?

W 4 Domenica d'Avvento (anno C) leggiamo in chiesa le parole della lettera agli Ebrei. Sono una chiamata per voi ad essere uniti a Cristo, essere obbedienti al Padre.
Non dovrei guardare la croce e trarne forza?, quando diventa difficile per me obbedire a Dio ? Qual è la cosa più difficile per me obbedire a Dio ? Ad ogni Santa Messa. Cercherò di rispondere con pieno senso di responsabilità : "Amen" - "Sia così" - alle parole di devozione del sacerdote al Padre :
"Per Cristo, con Cristo e in Cristo, A te dio, Padre onnipotente, nell'unità dello Spirito Santo, ogni onore e gloria nei secoli dei secoli. Amen".

■ Pensa :

1. Co w ofierze Jezusa Chrystusa podkreśla List do Hebrajczyków ?
2. Jak w ciągu życia Chrystus okazywał swoje posłuszeństwo Ojcu ?
3. Jak przyjął Jezus Mękę i śmierć ?
4. W czyim imieniu Chrystus złożył ofiarę posłuszeństwa ?
5. Perché St.. Paolo chiama Cristo "il nuovo Adamo" ?
6. Kiedy Chrystus włączył mnie w swoje posłuszeństwo ?

■ Ricorda:

38. W jaki sposób Jezus Chrystus naprawił nieposłuszeństwo ludzi wobec Boga ? Gesù Cristo riparò la disubbidienza delle persone a Dio mediante la sua obbedienza al Padre fino alla morte.

■ Attività:

1. Przeczytaj „Gorzkie żale” i wyszukaj miejsca, che parla dell'obbedienza di Gesù Cristo al Padre.
2. Wyszukaj w Ewangelii sceny, menzionato in "Amari rimpianti".
3. Powiedz, in quali misteri del rosario contempliamo l'obbedienza di Gesù Cristo ?

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *